Tiramisu’ vegan

INGREDIENTI (per 5 MONOPORZIONI O UNA TEGLIA 20×15 cm):

  • 140 g aqua faba
  • 140g zucchero a vero
  • 250 g Mascarpone vegano (o silken tofu frullato)
  • 1 moka da 6 caffè
  • 200g biscotti secchi vegani ( se volete senza glutine) (ricetta qui)
  • 1 cucchiaino limone
  • cacao amaro q.b.

INGREDIENTI:

Preparare il caffe’, versarlo in un piatto fondo in modo che si raffreddi e dolcificare a piacere (io ho messo 1 cucchiaino di zucchero di canna).

Preparare la crema mettendo l’aqua faba nella planetaria e azionare la frusta alla massima velocita’. Lasciare montare per 3 minuti o fino a quando il liquido sara’ diventato piu’ sodo e consistente; a questo punto aggiungere il limone e montare ancora per 2 minuti. Quando la crema sara’ bianca e spumosa aggiungere lo zucchero a velo poco per volta e montare altri 5 minuti alla massima velocità.

Quando il composto sara’ sodo, bianco e rimarra’ attaccato alla frusta quando alzerete la testa della planetaria la meringa sara’ pronta. Ora staccare la ciotola dal supporto e aggiungere a cucchiaiate il mascarpone (o il silken tofu frullato con il minipimer) mescolando con pazienza dal basso versao l’alto con una spatola in silicone. Quando il mascarpone sara’ completamente incorporato e avrete ottenuto una crema densa e liscia potete passare a stratificare e comporre il tiramisu’.

Adagiare sul fondo di un bicchiere un cucchiaio di crema, poi un biscotto (io ho usato oro saiwa), poi 3 cucchiai di crema, ancora un biscotto e altri 3 cucchiai di crema. Potete fare un terzo strato di biscotto e crema se preferite ma vi verranno solo 4 monoporzioni. Una volta terminati gli ingredienti mettere i tiramisu’ in frigo per almeno 6 ore e decorare con cacao amaro solo prima di servire.

Si conservano in frigo per 5 giorni.

Gnocchi senza glutine

INGREDIENTI (per 2/3 persone):

  • 460g fagioli cannellini cotti
  • 150g Farina di grano saraceno
  • Farina di riso q.b.

PROCEDIMENTO:

Lavare, scolare e asciugare bene i fagioli. Frullarli (io con il minipimer) e disporli in una ciotola capiente. Aggiungere la farina e impastare prima con un cucchiaio e poi con le mani fino a ottenere un panettone denso e non appiccicoso.
Tagliare tanti pezzi di impasto, dare ad ogni pezzo una forma cilindrica dello spessore che preferite e tagliare gli gnocchi con un coltello. Passare gli gnocchi nella farina di riso, o farina di grano saraceno, e procedere in questo modo fino al termine del composto.

Potete prepararli la mattina per il pranzo o il pomeriggio per la cena lasciando gli gnocchi fatti su un tappetino in silicone o su un foglio di carta forno a temperatura ambiente. Avvicinando i due lembi più corti del tappettino, o della carta forno, creerete una sorta di cono con all’interno gli gnocchi e sarà facilissimo buttarli in acqua per cuocerli senza schizzare o scottarsi.
Cuocere in abbondante acqua salata fino a quando salgono a galla e condire a piacere.

In foto li vedete conditi con sugo alla norma, quindi pomodoro e melanzane cotte al forno nel mio caso (ricetta qui) ma sono ottimi anche con ragù di verdure o di lenticchie o il condimento che preferite.


Si conservano in frigo, crudi 2 giorni in un contenitore ermetico ben distanziati oppure cotti, sempre in un contenitore per alimenti, per 3/4 giorni.

Nidi di rondine

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 400g farina grano duro
  • 250g acqua
  • un pizzico di sale
  • 600g stracchino vegetale
  • 270g salume vegano (io tipo cotto di biolab)
  • 100g formaggio vegetale grattugiato
  • 1lt latte di soia senza zucchero
  • 40g farina 00
  • 40g olio evo
  • noce moscata, sal e pepe q.b.
  • 200g passata pomodoro
  • mezza cipolla
  • mezzo cucchiaino di zucchero
  • Olio evo q.b.

PROCEDIMENTO:

Iniziare preparando la besciamella mettendo la farina 00 e l’olio in una casseruola. Scaldare mescolando con una frusta formando una sorta di polentina e quando sara’ ben caldo il composto aggiungere poco per volta il latte di soia mescolando continuamente. Quando avrete insereto tutto il latte di soia cuocere a fuoco medio mescolando continuamente fino a bollore, quindi proseguire la cottura per 2/3 minuti poi togliere dal fuoco e lasciare intiepidire.

Tagliare finemente una cipolla e lasciarla appassire in un pentolino con un cucchiaio di olio evo. Aggiungere un cucchiaio di acqua e quando si sara’ asciugata aggiungere la passata di pomodoro, una presa di sale e mezzo cucchiaino di zucchero. Cuocere a fuoco basso per 30 minuti circa coprendo la pentola con un coperchio.

Preparare la pasta mettendo farina di grano duro, acqua e un pizzico di sale nella planetaria e impastare con la foglia fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Spostare il composto su un piano da lavoro e dividerlo in 4 parti. Stenderlo con la nonna papera fino a uno spessore di 5mm formando tante lingue di pasta lunghe circa 30cm l’una e larghe almeno 10cm.

Farcire ogni pezzo di pasta con uno strato di stracchino e 3 fette di salume vagano. Arrotolare su se’ stesso e tagliare a meta’ con un tarocco formando due “roselline” di pasta. Procedere in questo modo fino a esaurimento degli ingredienti.

Preparare una teglia da forno (tipo quella per la lasagna) sporcando il fondo e i bordi di besciamella. Adagiare i rotolini di pasta man mano che saranno pronti cercando di non schiacciarli troppo l’uno con l’altro.

Quando la teglia sara’ piena di nidi di rondine ricoprire la pasta con la besciamella e sporcare la superficie e la besciamella con qualche cucchiaiata di sugo di pomodoro. La pasta dovra’ essere completamente ricoperta in superficie e sui bordi dal condimento; in questo modo si cuocera’ uniformemente senza seccarsi in forno.

Ricoprire la teglia di formaggio grattugiato vegano e un bel giro di olio evo, quindi cuocere in forno ventilato a 200 gradi per 40 minuti.

Servire 3/4 nidi di rondine a persona con abbondante besciamella in ogni piatto. Si conservano in un contenitore ermetico per 3/4 giorni e possono essere riscaldati 10 minuti in forno a 170 gradi.

Banana bread variegato al cacao

INGREDIENTI:

  • 3 banane mature
  • 80g zucchero di canna
  • 50g olio di semi di girasole
  • 170g farina tipo 1
  • 5g bicarbonato
  • 100g + 2 cucchiai di latte vegetale
  • 40g cacao amaro
  • un cucchiaino di cannella
  • 30g di nocciole + una manciata

PROCEDIMENTO:

Schiacciare le Banane con una forchetta; aggiungere l’olio e lo zucchero e mescolare con una frusta fino a formare un composto cremoso. Aggiungere il latte vegetale, mescolare bene quindi aggiungere la farina e la cannella. Creare un impasto denso e liscio con l’aiuto della frusta e infine aggiungere il bicarbonato mescolato velocemente per un minuto.

Dividere l’impasto in due contenitori e in uno aggiungere il cacao e 2 cucchiai di latte vegetale mentre nell’altro unire 30g di nocciole tritate grossolanamente al coltello. Mescolare bene entrambi gli impasti e passare a formare gli strati del dolce.

Rivestire di carta forno una teglia da plumcake da 18cm circa e versare metà dell’impasto bianco sul fondo; poi versare sopra metà dell’impasto al cacao. Terminare versando tutto l’impasto con le nocciole e ancora quello al cacao.

Con uno stuzzicadenti lungo da spiedini, o un coltello, disegnare degli “8” inserendo lo stuzzicadenti fino in fondo all’impasto. In questo modo creeremo l’effetto marmorizzato al dolce. Non esagerate con i disegni, basteranno soltanto 3/5 giri di stuzzicadenti.

Tagliare grossolanamente una manciata di nocciole e ricoprire la superficie del banana bread.

Cuocere in forno ventilato a 180° per 40/50 minuti. Sfornare, lasciare raffreddare completamente su una gratella privando il dolce della carta forno e della teglia e gustare accompagnato da una buona tazza di tè.

Potete renderlo più goloso aggiungendo 50g di gocce di cioccolato all’impasto al cacao oppure sostituire le nocciole con la frutta secca che preferite.

Se il vostro stampo da plumcake è più grande e supera i 20 cm raddoppiate le dosi.

È una merenda sana e golosa perfetta per tutta la famiglia. Si conserva in un contenitore ermetico, meglio una tortiera, a temperatura ambiente per 3/4 giorni.

Dolce al cucchiaio all’arancia

INGREDIENTI:

  • 300ml succo di arancia fresco
  • 25g amido di mais
  • 70g zucchero a velo
  • 1 cucchiaino cannella
  • 60g cioccolato fondente
  • 8 biscotti (tipo gran cereale)

PROCEDIMENTO:

Tritare al coltello grossolanamente il cioccolato (in alternativa potete usare le gocce); mettere l’amido, lo zucchero a velo e la cannella in un pentolino. Versare il succo di arancia fresco (io ho estratto le arance) poco per volta mescolando con una frusta per non fare grumi. Spostare sul fuoco e portare a bollore per 5 minuti.

Prendere 4 bicchieri di vetro trasparenti e adagiare sul fondo di ognuno un biscotto; ricoprire i biscotti con 2 cucchiai di crema all’arancia e un cucchiaio di cioccolato tritato. Adagiare nuovamente un biscotto e ancora due cucchiai di crema e il cioccolato tritato procedendo in questo modo in ogni bicchiere. Io ho fatto solo due strati ma se i bicchieri fossero più alti e stretti dei miei potete farne un terzo. Decorate la superficie con un pezzo di biscotto o con dei biscotti tritati e riporre in frigo per almeno 6 ore.

Se stratificherete con la crema calda i biscotti si ammorbidiranno con il calore ma se lo farete a freddo vi consiglio di inzupparli nel succo di arancia o nel latte di soia prima di comporre il dolce. Potete usare anche dei biscotti senza glutine creando così un dolce 100% gluten free. Potete anche prepararli in casa della dimensione perfetta per il vostro contenitore seguendo questa ricetta (qui) per una frolla senza glutine perfetta.

È possibile sostituire l’arancia con il mandarino o il limone, ma anche con il succo di ananas o di mango per una versione più estiva.

Si conservano in frigo per 3/4 giorni.

Treccia al cioccolato

INGREDIENTI:

  • 50g lievitino (ricetta qui)
  • 140g farinadi farro (o la farina che preferite)
  • 50g gocce di cioccolato fondente
  • 90g acqua
  • 30g zucchero
  • 30g olio di semi di girasole
  • scorza di mezza arancia bio non trattata
  • un cucchiaio di sciroppo d’acero

PROCEDIMENTO:

Mettere nel recipiente della planetaria il lievitino, la farina, lo zucchero, la scorza di arancia e l’olio e impastare con il gancio versando a filo e poco per volta l’acqua fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. (ci vorranno circa 3/4 minuti)

Infarinare le gocce di cioccolato e unirle all’impasto impastando ancora con il gancio per un minuto circa o fino a quando le gocce si saranno inglobate uniformemente nell’impasto. Versare l’impasto su un piano da lavoro leggermente infarinato e praticare le classiche pieghe fino a ottenere un panetto con una cupola densa e compatta. Tagliare l’impasto in 3 parti uguali, meglio se hanno anche lo stesso peso, e praticare per ognuno dei panetti le classiche pieghe.

Con le mani dare una forma cilindrica ad ogni pezzo di impasto formando così i 3 lembi della treccia. Unire i capi del lembi di impasto e procedere a intrecciarli. Chiudere la treccia unendo le code dei lembi e metterla a lievitare per 6/8 ore in forno spento con luce accesa adagiata su una teglia rivestita di carta forno.

Spennellare la superficie con lo sciroppo d’acero e cuocere a 190 gradi in forno statico per 15 minuti e poi coprire con un foglio di stagnola e cuocere per altri 5/10 minuti.

Vheddar

INGREDIENTI:

  • 120g anacardi
  • 70g yogurt di soia senza zucchero(ricetta qui)
  • 55g rejuvelac (ricetta qui)
  • 10g lievito alimentare
  • 2g miso in pasta (alta fermentazione)
  • 40g olio di cocco deodorato
  • 2 cucchiaini di sale fino
  • 50g farina di tapioca
  • 7g carragenina in polvere
  • 10 gocce di fumo liquido
  • 1/2 cucchiaino curcuma in polvere

PROCEDIMENTO:

Mettere a mollo gli anacardi per 6 ore, o in acqua bollente per 30 minuti. Scolarli e metterli nel bicchiere del minipimer, o nel frullatore, insieme allo yogurt di soia, il rejuvelac, il lievito alimentare, il miso, l’olio di cocco sciolto a bagnomaria, il fumo liquido e un cucchiaino di sale fino. Frullare, ripulendo i bordi di tanto in tanto, fino a ottenere un composto liscio e denso. Ci vorranno circa 5 minuti.

Per quanto riguarda il miso dosatelo in base a quello che avete a disposizione, deve essere l’equivalente di un cucchiaino o 5g di sale. Il mio è molto fermentato e in pasta solida quindi ne ho messo una pallina grande come una nocciola, ma se il vostro è a media fermentazione aumentate la dose.

Versare il composto in un contenitore di vetro con tappo ermetico e lasciare fermentare a temperatura ambiente per 2 giorni lasciando il tappo appoggiato lasciando passare aria. Trascorse le 48 ore mettere il composto in una casseruola di acciaio o comunque non antiaderente, e aggiungere la farina di tapioca, la curcuma e la carragenina.

Cuocere a fiamma media mescolando prima con una frusta per amalgamare i 3 nuovi ingredienti e poi con una spatola di silicone. Il composto prima diventerà grumoso, poi grumoso e più solido e poi i grumi si scioglieranno e diventerà un impasto colloso, denso e liscio. Cuocere per almeno 5 minuti muovendo continuamente il composto con la spatola cercando di non farlo attaccare alla pentola.

Trasferire il composto in un coppapasta quadrato o rettangolare appoggiato su una superficie dritta, io ho usato un tagliere. Livellare la superficie con la spatola e lasciare raffreddare completamente a temperatura ambiente, quindi coprire con pellicola trasparente e riporre in frigo per almeno 1 giorno.

Io ho scelto quel tipo di forma per poi poter tagliare delle fette della dimensione perfetta per diventare un cheddar per burger o panini ma potete dargli la forma che preferite anche in base al contenitore che avete a disposizione. Dovrete solo rivestirlo di pellicola trasparente prima di versare al suo interno il formaggio. Vi sconsiglio di usare contenitori di plastica ma prediligere contenitori di vetro con tappo ermetico; per esempio lo stesso contenitore che avete usato per fare fermentare il formaggio prima di cuocerlo sarebbe perfetto.

Trascorso il riposo in frigo estraerre il formaggio dal contenitore, adagiarlo su una griglia e mettere mezzo cucchiaiono di sale sulla superficie a vista. Bagnare le dita e con esse spargere il sale su tutta la superficie del formaggio e sui bordi. A questo punto girare il formaggio e mettere il rimanente mezzo cucchiaino di sale sull’altro lato del formaggio spalmandolo allo stesso modo con le dita bagnate.

Lasciare il formaggio sulla griglia in una stanza ben areata per 4/5 giorni girandolo 1 volta al giorno. Vi consiglio di mettere sotto la griglia un piatto in quanto potrebbe perdere liquido. Il formaggio diventerà più scuro con il passare dei giorni e più sodo. Una volta che il formaggio sarà perfettamente stagionato riporlo in un contenitore con tappo ermetico, avvolto in pezzo di scottex e conservarlo in frigo per 3/4 settimane.

Vi consiglio di farne doppia dose per ottimizzare i tempi di attesa, visto che si conserva a lungo in frigo. E’ perfetto per farcire burger o panini ma anche per decorare la superficie di una pasta al forno o per una pasta ai 4 formaggi.

Per ottenere una fetta perfettamente sciolta vi consiglio di usare il vapore, per esempio su un burger cotto in padella, quando lo girate per l’ultima volta adagiate sulla superficie a vista una fetta di qualche millimetro di cheddar e coprite con il coperchio. Cuocete 3/4 minuti a fuoco medio/basso e poi componete il burger. E’ sempre meglio che ci sia qualcosa di liquido ad accompagnare il formaggio per un effetto “fuso” perfetto, come sugo per una pasta al forno o verdure saltate in una piadina.

E’ un formaggio saporito, con una nota affumicata ideale per arricchire tanti piatti e per lasciare senza parole anche i più scettici. Provate e fatemi sapere!

Cappelli da strega

INGREDIENTI:

  • 4 coni gelato vegan
  • 150g cioccolato fondente
  • Confetti di cioccolato, zuccherini, frutta secca o altro per decorare

PROCEDIMENTO:

Mettere i coni ben distanziati appoggiati su una griglia a sua volta appoggiata su un piatto. Sciogliere il cioccolato a bagno maria o al microonde. Versare il cioccolato sul primo cono ricoprendolo completamente. Ricoprire ogni cono in questo modo recuperando il cioccolato colato sul piatto se necessario.

Decorare la parte più larga del cono a piacere; io ho usato degli zuccherini colorati rotondi ma potete usare della frutta secca come mandorle, nocciole tritate, confetti di cioccolato ricoperti di zucchero colorato o frutta candita, l’importate è che vengano appoggiati delicatamente.

Lasciare asciugare completamente il cioccolato a temperatura ambiente o in frigorifero prima di spostarli.

Sono perfetti per decorare la tavola di halloween o per essere incartati in sacchetti per alimenti per essere regalati ai bambini che busseranno alla vostra porta chiedendo “dolcetto o scherzetto?”.

TIPS: se volete usarli come dolce di fine pasto di una cena a tema o per una merenda più golosa vi consiglio di inserire all’interno del cono una pallina di gelato e chiudere la circonferenza con un biscotto tipo “grancereale”. Conservare in freezer fino al momento di gustarlo e servirlo con un cucchiaio.

Focaccine di halloween

INGREDIENTI:

  • 100g lievitino (ricetta qui) (o 10g di lievito di birra fresco o 5g di lievito di birra secco)
  • 150g farina manitoba
  • 150g semola di grano duro
  • una patata media bollita e schiacciata (80g circa)
  • 30g olio evo
  • 10g sale
  • 170g acqua

SALAMOIA:

  • 20g olio evo
  • 20g acqua
  • 10g sale fino

PROCEDIEMNTO:

Per utilizzare il lievito di birra: Sciogliere il lievito in mezzo bicchiere di acqua tipida con mezzo cucchiaino di zucchero. Quando l’acqua sarà torbida e il lievito ben sciolto procedere come indicato nella ricetta considerando questa preparazione il vostro lievitino.

Mettere nel recipiente dell’impastatrice il lievitino, le farine, l’acqua e impastare con il gancio fino a ottenere un composto omogeneo. Aggiungere la patata e impastare fino a quando l’impasto l’avrà amalgamata perfettamente. A questo punto unire l’olio e lasciare incorporare anche quest’ultimo, ci vorrà qualche minuto tenendo sempre l’impastatrice a media velocità. Infine aggiungere il sale e impastare ancora un paio di minuti.

Versare l’impasto su un piano da lavoro infarinato e praticare un giro di pieghe e pirlare. Disporre il composto in un recipiente di plastica con chiusura ermetica unto precedentemente e lasciare lievitare in forno spento ma con luce accesa 2/3 ore.

Quando l’impasto sarà raddoppiato dividere l’impasto in tanti pezzi da 40g ciascuno. Praticare le classiche pieghe per ognuno di loro, creare una cupola densa e omogenea per ogni focaccina e disporre i panetti su una teglia da forno rivestita di carta forno a debita distanza (io 12 per teglia, 3 file da 4 focaccine). Far lievitare in forno spento ma con luce accesa per 1 ora e trascorso questo tempo schiacciare le palline di impasto con le dita creando le basi delle focaccine.

Intanto preparare la salamoia emulsionando 20g di olio evo con 20g di acqua e 10g di sale fino. Girare vigorosamente con un cucchiaino fino a quando il sale si sarà sciolto completamente.

Versare uniformemente la salamoia e rifare i solchi con le dita in modo che la salamoia entri bene all’interno dei buchi.

Mettere in forno spento con luce accesa a lievitare 2/3 ore, o fino al raddoppio e successivamente cuocere in forno statico a 250 gradi per 12 minuti circa.

Prima di infornare le focaccine potete decorarle a tema halloween creando una faccia mostruosa con pezzettini di olive, come vedere in foto o creare delle pizzette rosse disponendo un cucchiaino di salsa di pomodoro su ogni focaccina e disegnare un ragno con metà oliva e con la restate metà creare le zampe. Potete dare sfogo alla vostra fantasia e personalizzare ogni focaccina con un personaggio mostruoso diverso.

Sono ottime calde ma anche a temperatura ambiente e si conservano in frigo in un contenitore ermetico per 3/4 giorni.

Formaggio spalmabile di anacardi

INGREDIENTI:

  • 120g anacardi
  • 75g rejuvelac (ricetta qui)
  • un pizzico di sale

PROCEDIMENTO:

Mettere gli anacardi a mollo almeno 6 ore in acqua fredda, o mezz’ora in acqua bollente. Scolare gli anacardi, versarli nel bicchiere del minipimer insieme a un pizzico di sale e al rejuvelac. Frullare con pazienza ripulendo i bordi fino a ottenere una crema liscia e molto densa. In base a quanto avete ammollato gli anacardi questo procedimento sarà più o meno veloce; vi consiglio di fare una pausa ogni 2/3 minuti, ma in totale non ci vorranno più di 5 minuti per ottenere la consistenza giusta.

Versare il composto in un contenitore di vetro pulito con tappo ermetico e lasciare riposare a temperatura ambiente per 24 ore con il coperchio appoggiato sul contenitore senza chiudere ermeticamente. Se dovesse essere estate valutate voi in base alla temperatura quanto fare fermentare il composto. Se ci sono più di 30° consiglio di non superare le 12 ore.

Una volta lasciato fermentare il formaggio, coprirlo con il tappo ermeticamente e riporlo in frigo per almeno 6 ore prima di gustarlo. Si conserva in frigo per 2 settimane circa in un contenitore con tappo ermetico.

E’ perfetto per farcire panini o piadine, per condire una pasta al posto della panna da cucina o per farcire cannelloni o ravioli. Io lo adoro anche come aperitivo messo al centro della tavola con grissini, taralli e verdure crude. Date libero sfogo alla fantasia perchè questo formaggio ovunque lo metterete sarà un successo!